Tu sei qui: Home / Eventi / EVENTI IN PROGRAMMAZIONE NEL 2016 / VII° CORSO DI AGGIORNAMENTO NON SOLO PARKINSON / IDROCEFALO NORMOTESO, PARKINSONISMO VASCOLARE E MALATTIA DI PARKINSON: SFIDA DIAGNOSTICA E TERAPEUTICA

IDROCEFALO NORMOTESO, PARKINSONISMO VASCOLARE E MALATTIA DI PARKINSON: SFIDA DIAGNOSTICA E TERAPEUTICA

 

L’idrocefalo normoteso (iNPH) è una delle principali cause di demenza e di disabilità motoria dell’anziano.

Si caratterizza anche per la presenza di un severo disturbo della marcia simile a un parkinsonismo e a incontinenza vescicale. Tipico dell’iNPH è il miglioramento fino alla reversibilità della sintomatologia clinica dopo derivazione ventricolo-peritoneale. Il successo terapeutico è tanto maggiore quanto più precoce è la diagnosi e quindi la terapia chirurgica. La prevalenza dell’iNPH aumenta dopo gli 80 anni e nella popolazione occidentale vengono stimate milioni di persone affette inconsapevolmente da questa patologia.

Attualmente il percorso diagnostico-terapeutico dell’iNPH è limitato dalla scarsa accuratezza della diagnosi radiologica e di quella clinica, in particolare nelle fasi iniziali.

Le difficoltà relative alla diagnosi e al follow-up post-chirurgico coinvolgono sia il neurologo che il neurochirurgo.

A fronte di presentazioni iNPH tipiche possono manifestarsi quadri clinici atipici a ponte con le più frequenti malattie neurodegenerative come la malattia di Alzheimer o i parkinsonismi.

Il parkinsonismo vascolare (VP) è una condizione clinica spesso sovrapponibile per sintomatologia motoria e cognitiva a quella di un iNPH. Secondi alcuni Autori la diagnosi di VP troverebbe conferma nelle immagini cerebrali di danno vascolare lacunare diffuso ai gangli della base. Purtroppo, molti casi di iNPH possibile (quindi con diagnosi radiologica incertama borderline) condividono sia il reperto radiologico che la clinica che i fattori di rischio vascolare di un VP.

In conclusione la diagnosi differenziale tra iNPH e VP rappresenta ancora oggi una sfida che incide negativamente sul percorso terapeutico di questi anziani pazienti.

 

OBIETTIVI FORMATIVI

Obiettivo principale di questo workshop è discutere delle difficoltà relative a una diagnosi precoce di iNPH e a una d.d. verso il VP, e come posizionare la chirurgia di derivazione ventricolo-peritoneale in funzione della storia evolutiva della malattia e come definire le misure di out-come post-chirurgico.

 

PROGRAMMA


 

8.30 Registrazione partecipanti
8.50 Presentazione dell’evento - C. Pacchetti, A. Scaglioni

Tavola Rotonda: terapia della Malattia di Parkinson in fase avanzata

Moderatore: C. Pacchetti

9.00 DBS/Terapie infusionali/Nuovi farmaci - R. Zangaglia
9.25

Una scelta opportuna può fare la differenza?

R. Ceravolo, F. Mancini, B. Minafra, E. Pilleri, NG Pozzi, L. Romito

Idrocefalo Normoteso e Parkinsonismo Vascolare (I)

Moderatori: A. Priori, A. Scaglioni

10.15

Epidemiologia: iNPH e parkinsonismo vascolare - N. Vanacore

10.50 iNPH – Diagnosi precoce e fenotipo clinico: criticità - C. Pacchetti
11.25 Coffee break
12.00 iNPH – La diagnosi radiologica: linee guida internazionali e novità della ricerca - S. Bastianello, P. Vitali
12.35 iNPH – Studi PET e SPECT: un aiuto per la diagnosi differenziale - R. Ceravolo
13.10 Lunch

Idrocefalo Normoteso e Parkinsonismo Vascolare (II)

Moderatori: M. Guidi, D. Servello

14.10 iNPH: fisiopatologia e biomarkers liquorali - T. Schirinzi
14.45 Demenza in iNPH: diagnosi differenziale ed efficacia dello shunt - E. Sinforiani
15.20 Neurochirurgia: test funzionali predittivi, shunt e misure di outcomes - P. Gaetani
15.55 Parkinsonismo vascolare vs Idrocefalo Normoteso: una sfida diagnostica? - C. Vitale
16.30 Video Session con discussione casi clinici - B. Minafra, R. Zangaglia
17.10 Closing remarks
17.30 Questionario ECM e termine lavori

 

CREDITI ECM


IDEAS GROUP Srl (Provider ECM n. 352) sulla base delle normative ministeriali vigenti ha assegnato n. 6 CREDITI FORMATIVI ECM per questo evento scientifico.

 

SEDE CONGRESSUALE


 

AULA BERLUCCHI

Fondazione IRCCS C. Mondino

Via Mondino 2 - 27100 Pavia

 

 

 

 

 

 

 

 

FONDAZIONE ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE

"CASIMIRO MONDINO"

Entrata principale Aula Berlucchi su Via Magenes

https://goo.gl/maps/TSGHNX1ae1m

 

 

COME RAGGIUNGERE LA SEDE CONGRESSUALE

In auto:

Autostrada A7 Milano-Genova (uscita Bereguardo / Pavia Nord):

All’uscita Bereguardo immettersi sul raccordo autostradale Bereguardo-Pavia e successivamente sulla tangenziale ovest di Pavia in direzione Pavia Nord, quindi uscire a “Istituti Universitari”; svoltare due volte a destra e proseguire diritto per circa 100 metri.

Autostrada A21 Torino-Piacenza (uscita Casteggio):
All’uscita Casteggio-Casatisma seguite le indicazioni per Pavia; arrivati nel comune di S. Martino Siccomario imboccare la tangenziale di Pavia e proseguire secondo le indicazioni riportate nel paragrafo Autostrada A7″.

Da Milano:
Percorrere la SS35; dopo il comune di Certosa di Pavia immettersi sulla tangenziale di Pavia fino all’uscita “Istituti Universitari”; la clinica si trova all’incirca di fronte allo svincolo.

In treno:

Scendere alla stazione di Pavia e prendere l’autobus n. 3 (direzione Tevere oppure Maugeri/Mondino), oppure n. 7 (direzioneMaugeri/Mondino) scendere alla fermata Maugeri-Mondino; per consultare gli orari vedi il sito www.lineservizi.it

In aereo:

L’aeroporto di Linate è collegato a Pavia tramite le autolinee Migliavacca (tel. 0382/525858). Una fermata è collocata all’uscita “Istituti Universitari” della tangenziale di Pavia, nei pressi dell’Istituto.